martedì 28 giugno 2011

 Sam, lo chiamerò Sam, anche se non è rilevante conoscere il suo nome, e nemmeno sapere se suona il piano. Sam, in questo giorno freddo Sam è riscaldato dall'amore che lo ricopre come una muta e non ha bisogno di parole ma sorride con tutto se stesso e con quel liquido caldo che scorre dai piedi sino alla sua anima. Sam e Mas ed è come se fosse tutto come quel giorno, come quel giorno che rivelò le loro vite agli occhi l'una dell'altro. Si Mas, sei adorabile, e tutti ti hanno adorato e vorrebbero averti nuovamente vicino perchè tu, nonostante le avversità, riesci a risplendere di luce propria di luce che si crea da sè da quella scintilla che in fondo ai tuoi occhi riscalda chi ti è accanto e me, me che ora per non so quale motivo tendo ad identificarmi con Sam. Reclamano ancora la tua presenza, la tua favella, la tua capacità di immedesimarti ed ascoltare e Sam è lieto... si potrebbe dire che gongola a ben vedere! Sam che in mezzo alla gente si perde e disperde e frammenta e annienta con te sente nuovamente di essere intero, luminoso anch'egli, di riflesso, e si bea a contemplarti mentre intrattieni relazioni che lui saprebbe solo troncare con zanne da orso e denti da serpente. Ti amano tutti quì, ti ama Sam come se fosse sempre il primo giorno di primavera
" Capita che senta di amarti come il primo giorno, oggi è così"

" where the wild roses grow "

4 commenti:

  1. l'ho già sentita quella frase... mi ricordo anche quando e dove...

    RispondiElimina
  2. anch'io e mi è rimasta impressa

    RispondiElimina
  3. certe vite sono sprecate, non hanno senso e ti chiedi se prima o poi ne arriverà uno. Ma non c'è alcun senso in agguato, dietro l'angolo. Tu mi conosci, o non mi conosci, è uguale. Io posso trovare il coraggio ma non c'è piu pace in me. Non c'è più nulla. Com'è non sentire più nulla? Com'è tornare all'origine di tutto quello che ha fine? Come vivrò? come starò? come una eclissi oscuri mille albe, mille aurore. Come un solo pensiero occupa la testa, e dietro quel pensiero un unico ancora più terrificante. Come faccio a respirare? conto? fino a quanto? dove è giunto il conto alla rovescia? dove mi sono vomitata? dove ho perso tutto? dove sono? fammi uscire, fammi entrare, fammi sanguinare...

    RispondiElimina
  4. mi metti sempre di buon'umore

    RispondiElimina