venerdì 29 luglio 2011

Provando a riflettere a mente fredda, ma è possibile farlo e non cedere al ventre? Breivik non è un folle, non è pazzo, è un individuo lucido perfettamente consapevole ed integrato nei suoi pensieri e nelle azioni che poi ha compiuto, la strage è stata una mattanza politica come quella perpetrata anni addietro dai fascisti e dai nazisti. Breivik non merita alcuna compassione, alcuna empatia, e il ventre mi porta a considerare che, forse, un minimo di soddisfazione parenti e amici delle vittime la avrebbero avuta in una lapidazione pubblica: niente di più catarchico che trascendere il proprio dolore infliggendone del fisico all' Assassino. Breivik non è un folle, un folle è Borghezio e quanti come lui ci vengono a dire che, sì!, in fondo il suo pensiero, il suo concetto è giusto, è condivisibile, ma non l'atto che ha compiuto. E' questa la vostra follia, il manifestarsi della vostra idiozia: la logica conseguenza della vostra costruzione filosofica che vede nel bianco e nel cristiano un essere superiore è l'atto che ha compiuto Breivik. Lui l'ha portato a compimento, alla logica completezza. Non siete molto diversi dai fondamentalisti islamici che tanto disprezzate. Non siete nemmeno diversi dai nazisti, siete colpevoli tanto quanto Breivik, così come i tedeschi accondiscendenti di allora sono colpevoli tanto quanto Hitler. Mi vergogno di voi, profondamente, mi vergogno di essere parte della vostra umanità.

6 commenti:

  1. concordo su ogni punto e ogni virgola

    RispondiElimina
  2. Humanity always produced ideologies that claim that there are men and not men: the next step is Auschwitz.
    Just strip the ideology by time and place: put naked on the table and not seeing more anatomically as a human creature, living example of perfect harmony and beauty. It shows that it is: a hideous monster that tears apart, today as yesterday.
    Every time we establish levels, that we defend prerogatives, that we say that the other one is too much stupid to live we also say that after all he can die. And he starts to die.
    But neither you neither I are part of same humanity: not enough but it is a fact! We just need to make it grow. Bye Demian

    RispondiElimina
  3. troppe bocche non hanno la minima idea di quanto le loro parole possano posarsi e instillari germi malsani, thanks amore

    RispondiElimina
  4. how much influence we can have on the growth process of humanity? Perhaps the best we can do is do not be silent. by zoe

    RispondiElimina
  5. Demian tu devi scrivere bye, se scrivi by it means "attraverso" o "per mezzo di". Spero tu capisca e non ti arrabbi troppo per questa piccola precisazione. Don't you?

    NOI? Innanzitutto bisognerebbe capire chi siamo noi, perchè non siamo tutti uguali e l'unità è possibile solo attraverso le diversità. Se diciamo noi come lo dice Berlusconi o Almadinejad o il signor Marchionne it is absolutely true that the world won't not at all change.
    Noi siamo uomini Demian, uomini con tutti gli stessi terribili difetti degli altri: quando affermiamo che vogliamo libertà, pace e democrazia, uguaglianza e progresso spesso dopo poco tempo costruiamo esattamente il contrario. Basta guardare la storia umana ed europea degli ultimi 2 secoli. Da alcune democrazie è nato il fascismo e il nazismo, da un certo marxismo-leninismo una terribile e sanguinaria dittatura. Anche quelli dicevano NOI!
    I believe that the evil is inside of us Demian: to recognize it is the first footstep, writing and speaking of it the second and the third one. Bye

    RispondiElimina
  6. don't worry, correggimi pure. Fondamentalmente il problema è proprio quel Noi che accomuna un gruppo in base ad una concezione religiosa o politica. Quel Noi che trae forza dalla dissimulazione dell'individuo in una sorta di superiore affermazione di idee o concetti. Sino a che l'uomo vedrà se stesso come una emanazione divina ponendo al di sopra della carne idee e divinità non potrà mai esserci una condivisione pacifica della terra che con tanta pazienza ci ospita e sopporta. Noi non siamo nemmeno superiori nei confronti di un insetto o di una pietra. Siamo tutti esseri che provengono da una stessa fonte e come tali dovremmo comportarci. bye bye

    RispondiElimina