martedì 21 gennaio 2020






the brick

L'opera senza autore è un'opera senza autore e l'uomo emerge senza autore come un'opera senza autore.
Vien da chiedersi se nel suo dilatato primordiale respiro l'universo abbia raggiunto l'illuminazione, abbia conosciuto se stesso, abbia compreso gli indizi disseminati come frantumi di specchi che rimandano e rimandano e rimandano.
Trattenne il respiro e non potè far nulla per salvare suo figlio. Il suo passato, ciò che diverrà in futuro è un senso di colpa, o di vergogna, o di foschia. Suo figlio non potè nulla per salvare suo padre sino a quando il padre non vide suo figlio annegare. E affiorare. E riprendere da dove s'era interrotto il respiro.