domenica 12 dicembre 2021

DOPO...


 

Estratto da Midnight Mass

giovedì 9 dicembre 2021

SVELAMENTO


 dovendo scegliere se o mi lasciai si lasciò venne lasciato andare alla corrente, più come se fosse una volontà altra, più ampia, e consapevole che quella fosse la cosa giusta da fare lasciarsi andare si mi adagia adagiò al flusso con spontaneità e come se se come fosse parte di sè e parte di esso. Sospinto nel mezzo un'altra porta che non c'era non era stata presa in considerazione sino a che una forza che non so cosa fosse trascinandolo come se si facesse il vuoto tutto attorno e lui io io e queste membra estese ci addentrammo dove era vero e chiaro che io fossi che noi varcassimmo senza nessun impedimento.

 

          

lunedì 31 maggio 2021

 

L'ultimo dei mohicani 

                                                     Collateral

 

         

sabato 13 febbraio 2021


 " 

Non amo comandare
e non amo servire,
per fortuna vivo
come se non contassi.

Ma la buccia che reggo
è fragile e ingombrante,
trova sempre uno spigolo
per farsi lacerare.  

                                  "

                   ( Tito Balestra )

         " Alanis Morissette - Reason I drink "

   

sabato 23 gennaio 2021

ANIMA


 Il mio linguaggio definisce la comprensione che ho delle cose del mondo di me stesso degli altri dell'esistenza. Comprendo la razionalità degli eventi, la consequenzialità, mi spiego al vento confortevole dell'idea che ho, che hanno supposto e che hanno imposto che io debba avere nei confronti dei confronti che mi si parano innanzi. C'è un linguaggio che ha smarrito i simboli, la lingua degli dei che millenni ed ere fà sussurrava o incuteva e guidava e malediceva e glorificava ed era sublime ed era terrificante e ardeva e intirizziva e, seppur non lo si comprendeva, era udito. 

Bramo la simultaneità, e discernere dal caos all'ordine l'autentico volto che mai potrà specchiarsi.

                        

                                       Greta Van Fleet - Age of Machine

 

Collateral

                                    


 

 

mercoledì 25 novembre 2020

 

Catch the Fire

(Sometimes I wonder:
What to say to you now
in the soft afternoon air as you
hold us all in a single death?)
I say—
Where is your fire?
I say—
Where is your fire?
You got to find it and pass it on.

You got to find it and pass it on
from you to me from me to her from her
to him from the son to the father from the
brother to the sister from the daughter to
the mother from the mother to the child.

Where is your fire?  I say where is your fire?
Can’t you smell it coming out of our past?
The fire of living…not dying
The fire of loving…not killing
The fire of Blackness…not gangster shadows.
Where is our beautiful fire that gave light
to the world?
The fire of pyramids;
The fire that burned through the holes of
slaveships and made us breathe;

The fire that made guts into chitterlings;
The fire that took rhythms and made jazz;

The fire of sit-ins and marches that made
us jump boundaries and barriers;
The fire that took street talk sounds
and made righteous imhotep raps.
Where is your fire, the torch of life
full of Nzingha and Nat Turner and Garvey
and DuBois and Fannie Lou Hamer and Martin
and Malcolm and Mandela.
Sister/Sistah  Brother/Brotha  Come/Come

CATCH YOUR FIRE…DON’T KILL
HOLD YOUR FIRE…DON’T KILL
LEARN YOUR FIRE…DON’T KILL BE THE FIRE…DON’T KILL Catch the fire and burn with eyes that see our souls: WALKING. SINGING. BUILDING. LAUGHING. LEARNING. LOVING. TEACHING. BEING. Hey. Brother/Brotha. Sister/Sista. Here is my hand. Catch the fire…and live. live. livelivelive. livelivelive. live. live. (Sonia Sanchez) clip by Lovecraft Country